AIAD - Federazione Aziende Italiane per L'Aereospazio, la Difesa e la Sicurezza

FABBRICA D`ARMI PIETRO BERETTA

FABBRICA D`ARMI PIETRO BERETTA S.p.A.

This post is also available in: English (Inglese)

 

Fabbrica d’Armi Pietro Beretta S.p.A., è un’azienda italiana nata dal sogno e dalle capacità di un artigiano rinascimentale e, grazie al coraggio, alla visione ed alle capacità della sua discendenza, divenuta un nome riconosciuto a livello internazionale per contenuti tecnologici e di performance e per l’italian style che caratterizza i suoi prodotti.

 

Tramandata per quindici generazioni dell’omonima famiglia, è in attività a Gardone Valtrompia già dal Quattrocento e, a ragione di prove documentarie, sicuramente dal 1526.

 

Dal mitico Bartolomeo (ante 1498 – 1565/8) a Pietro (1791 – 1853), il primo a portare questo nome nella famiglia, che iniziò i lavori d’espansione dell’Azienda, dal figlio Giuseppe (1840 – 1903), che aprì nuovi orizzonti internazionali, a Pietro (1870 – 1957), che seppe trasformare l’azienda da artigianale in industriale, ampliandola ed introducendo i più moderni sistemi di lavorazione, ai figli Giuseppe (1906 – 1993) e Carlo (1908 – 1984), sotto la cui guida illuminata l’impresa ha acquisito carattere multinazionale e conquistato brillanti successi nel settore militare e sportivo, la Beretta ha prodotto armi.

 

Quasi cinquecento anni di provata attività lavorativa hanno arricchito la Beretta di un’enorme esperienza, consentendole di sviluppare una elevata e specifica tecnologia nell’ambito della meccanica di precisione. Con il tempo, naturalmente, la fabbrica ha assunto dimensioni sempre maggiori: dall’inizio del ‘900 ad oggi, la superficie coperta dello stabilimento è passata da 10.000 ad oltre 108.000 metri quadrati.
I reparti produttivi sono strutturati su centri di lavoro robotizzati ma anche sulla presenza, importante, del fattore umano, quale condizione necessaria per ottenere i livelli di precisione e di qualità previsti a progetto.
La Progettazione utilizza sistemi avanzati di calcolo delle tensioni attraverso il metodo degli elementi finiti, mentre i laboratori sono attrezzati per ricerche in campo dinamico-impulsivo applicato al sistema arma-munizione, per analisi metallografiche e prove a fatica.
Produzione e Progettazione operano in simbiosi con l’apparato commerciale nel rispetto del processo di sviluppo prodotto e in ottica di soddisfazione Cliente.
Anche le attività Commerciali e Distributive si avvalgono di moderni sistemi informatici (Internet e Intranet) per dare il massimo supporto alle organizzazioni periferiche e per rispondere rapidamente alle esigenze dei mercati.

 

La produzione Beretta (ca. 1.500 armi al giorno) copre quasi tutta la gamma delle armi portatili: sovrapposti e paralleli da caccia e tiro in diversi calibri e differenti livelli di finitura, fucili semiautomatici, carabine, fucili express, pistole semiautomatiche (dal cal. .22 short al cal. .45 Auto), fucili militari automatici.
La produzione sportiva copre mediamente l’80%. L’esportazione delle armi sportive supera il 75% e riguarda un centinaio di paesi.

 

Agli inizi degli anni ’90, Beretta ha affiancato, alla sua tradizionale produzione di armi sportive, una linea completa di accessori e di abbigliamento per la caccia, il tiro a volo ed il tempo libero che si caratterizza per l’alto contenuto tecnico-costruttivo e per la sobria eleganza. Nel 1995 è stata inaugurata, a New York, la prima Beretta Gallery. In tempi più recenti hanno fatto seguito quelle di Dallas, Buenos Aires, Parigi e Milano, alle quali si è aggiunta nel dicembre 2005 una nuova Gallery nel pieno centro di Londra. La linea Beretta Clothing & Accessories è oggi presente, oltre che nelle più importanti armerie d’Europa e d’America, anche tramite numerosi Shop in Shop, negozi specializzati e appositamente progettati per ospitare ampie aree esclusive Beretta.

 

Da molti anni le armi Beretta sono in dotazione alle Forze Armate e Forze di Polizia Italiane e di innumerevoli altri paesi. Nell’aprile 2007 l’accordo per la fornitura del modello Px4 Storm alla polizia di frontiera canadese (Canada Borders Services Agency).
Il più significativo successo nel settore delle pistole è rappresentato dall’acquisizione della Beretta serie 92 da parte delle Forze Armate e dalle Polizie di Stato Americane (dal 1985). Successivamente anche la “Gendarmerie Nationale” e “L’Armée de l’Air” (Francia) optano per una soluzione simile. Nel 2002 è stato stipulato l’accordo per la fornitura di 45.000 pistole 92FS alla Guardia Civil (Spagna). Nel corso dello stesso anno è stata anche avviata la fornitura di ca. 40.000 pistole serie 92 alla Polizia Nazionale turca. A maggio 2005 è stato siglato un nuovo contratto per la fornitura di 18.744 pistole della serie 92 destinate all’US Air Force mentre a settembre 2007 sono giunti nuovi ordinativi per 10.576 pistole 92FS per l’US Army e l’US Air Force. A gennaio 2009 Beretta vince il più grande contratto militare di pistole destinate all’US Army dal Secondo Conflitto Mondiale per la fornitura totale di 450.000 modello 92FS.

 

Ai successi nel settore della difesa fa riscontro quello nello sport. A Melbourne, nel 1956, Beretta vince la sua prima medaglia d’oro olimpica nel tiro al piattello. Da allora le vittorie Beretta, nelle maggiori competizioni, si sono succedute con frequenza: medaglie sono vinte alle Olimpiadi di Roma (1960), Monaco (1972), Montreal (1976), Mosca (1980), Los Angeles (1984), Seoul (1988), Barcellona (1992), Atlanta (1996), Sydney (2000), Atene (2004), Beijing (2008), Londra (2012) per non citare le innumerevoli medaglie conquistate ai Campionati del Mondo a partire dal 1978. Ai Giochi della XXXI Olimpiade di Rio De Janeiro (2016), Beretta riconferma la propria vocazione sportiva vincendo quattro medaglie d’oro, quattro d’argento e due di bronzo. I fucili da competizione Beretta hanno vinto più Gare Internazionali di qualsiasi altro fucile.

Lavoro, inventiva, rispetto della tradizione, attenzione al Cliente e alle Maestranze, ma insieme a questo studi ed aggiornamenti continui, miglioramento tecnologico ed avanzati metodi di fabbricazione sono le basi sulle quali Beretta ha costruito la sua immagine e da cui derivano le armi sportive e militari che dal 1526 portano in tutti i continenti il marchio della più antica fabbrica d’armi.

 

Dal punto di vista societario, Fabbrica d’Armi Pietro Beretta S.p.A. è una controllata di Beretta Holding S.p.A., che annovera al suo interno importanti fabbriche di armi sportive e di ottiche, nonché società commerciali e di distribuzione sia italiane che estere. Nell’esercizio 2015 Beretta Holding ha registrato un fatturato consolidato di 660 milioni di Euro.

 

Pietro e Franco  Gussalli Beretta sono alla guida dell’Azienda.

This post is also available in: English (Inglese)

Informazioni

  • Dimensione Azienda

    Grande

  • Capitale sociale

    € 5.200.000

  • Presidente Beretta Holding

    Pietro GUSSALLI BERETTA

  • Presidente Fabbrica d'Armi Pietro Beretta

    Franco GUSSALLI BERETTA

Sedi

Fabbrica d’Armi Pietro Beretta S.p.A., è un’azienda italiana nata dal sogno e dalle capacità di un artigiano rinascimentale e, grazie al coraggio, alla visione ed alle capacità della sua discendenza, divenuta un nome riconosciuto a livello internazionale per contenuti tecnologici e di performance e per l’Italian style che caratterizza i suoi prodotti.

Tramandata per quindici generazioni dell’omonima famiglia, è in attività a Gardone Valtrompia già dal Quattrocento e, a ragione di prove documentarie, sicuramente dal 1526.

Dal mitico Bartolomeo (ante 1498 – 1565/8) a Pietro (1791 – 1853), il primo a portare questo nome nella famiglia, che iniziò i lavori d’espansione dell’Azienda, dal figlio Giuseppe (1840 – 1903), che aprì nuovi orizzonti internazionali, a Pietro (1870 – 1957), che seppe trasformare l’azienda da artigianale in industriale, ampliandola ed introducendo i più moderni sistemi di lavorazione, ai figli Giuseppe (1906 – 1993) e Carlo (1908 – 1984), sotto la cui guida illuminata l’impresa ha acquisito carattere multinazionale e conquistato brillanti successi nel settore militare e sportivo, la Beretta ha prodotto armi.

Quasi cinquecento anni di provata attività lavorativa hanno arricchito la Beretta di un’enorme esperienza, consentendole di sviluppare una elevata e specifica tecnologia nell’ambito della meccanica di precisione.

Con il tempo, naturalmente, la fabbrica ha assunto dimensioni sempre maggiori: dall’inizio del ‘900 ad oggi, la superficie coperta dello stabilimento è passata da 10.000 ad oltre 110.000 metri quadrati.

I reparti produttivi sono strutturati su centri di lavoro robotizzati ma anche sulla presenza, importante, del fattore umano, quale condizione necessaria per ottenere i livelli di precisione e di qualità previsti a progetto.

La produzione Beretta (ca. 1.500 armi al giorno) copre quasi tutta la gamma delle armi portatili: sovrapposti e paralleli da caccia e tiro in diversi calibri e differenti livelli di finitura, fucili semiautomatici, pistole semiautomatiche (dal cal. .22 short al cal. .45 Auto), fucili militari automatici, pistole mitragliatrici, lanciagranate.

La produzione sportiva copre mediamente il 70%.

Agli inizi degli anni ’90, Beretta ha affiancato, alla sua tradizionale produzione di armi sportive, una linea completa di accessori e di abbigliamento per la caccia, il tiro a volo ed il tempo libero che si caratterizza per l’alto contenuto tecnico-costruttivo e per la sobria eleganza. Nel 1995 è stata inaugurata, a New York, la prima Beretta Gallery. Hanno fatto seguito quelle di Dallas, Buenos Aires, Parigi e Milano, alle quali si è aggiunta nel dicembre 2005 una nuova Gallery nel pieno centro di Londra.

La linea Beretta Clothing & Accessories è oggi presente, oltre che nelle più importanti armerie d’Europa e d’America, anche tramite numerosi Shop in Shop, negozi specializzati e appositamente progettati per ospitare ampie aree esclusive Beretta.

Da molti anni le armi Beretta sono in dotazione alle Forze Armate e Forze di Polizia Italiane e di innumerevoli altri paesi.

Il più significativo successo nel settore delle pistole è rappresentato dall’acquisizione della Beretta serie 92 da parte delle Forze Armate e dalle Polizie di Stato Americane (dal 1985). Successivamente anche la “Gendarmerie Nationale” e “L’Armée de l’Air” (Francia) optano per una soluzione simile. Nel 2002 è stato stipulato l’accordo per la fornitura di 45.000 pistole 92FS alla Guardia Civil (Spagna).

Nel corso dello stesso anno è stata anche avviata la fornitura di ca. 40.000 pistole serie 92 alla Polizia Nazionale turca.

Nel 2008 il fucile d’assalto Beretta ARX160 e il lanciagranate GLX 160 vengono adottati dall’Esercito Italiano.

Dal 2019 Fabbrica d’Armi Pietro Beretta partecipa al Consorzio Sistema Soldato Sicuro (CSSS) creato in sinergia con Leonardo e assieme alle società del gruppo (Beretta Defense Technologies) è fornitore degli equipaggiamenti che aumentano le capacità di letalità e sopravvivenza dei soldati italiani.

Nel 2020 viene siglato un accordo per una fornitura pistole modello Beretta APX (fino a 159.000 pezzi) per la Forza Nazionale di Pubblica Sicurezza del Brasile.

Ai successi nel settore della difesa fa riscontro quello nello sport.

A Melbourne, nel 1956, Beretta vince la sua prima medaglia d’oro olimpica nel tiro al piattello.

Da allora le vittorie Beretta, nelle maggiori competizioni, si sono succedute con frequenza: medaglie sono vinte alle Olimpiadi di Roma (1960), Monaco (1972), Montreal (1976), Mosca (1980), Los Angeles (1984), Seoul (1988), Barcellona (1992), Atlanta (1996), Sydney (2000), Atene (2004), Beijing (2008), Londra (2012) per non citare le innumerevoli medaglie conquistate ai Campionati del Mondo a partire dal 1978. Ai Giochi della XXXI Olimpiade di Rio De Janeiro (2016), Beretta riconferma la propria vocazione sportiva vincendo quattro medaglie d’oro, quattro d’argento e due di bronzo.

I fucili da competizione Beretta hanno vinto più Gare Internazionali di qualsiasi altro fucile.

Lavoro, inventiva, rispetto della tradizione, attenzione al Cliente e alle Maestranze, ma insieme a questo studi ed aggiornamenti continui, miglioramento tecnologico ed avanzati metodi di fabbricazione sono le basi sulle quali Beretta ha costruito la sua immagine e da cui derivano le armi sportive e militari che dal 1526 portano in tutti i continenti il marchio della più antica fabbrica d’armi.

Dal punto di vista societario, Fabbrica d’Armi Pietro Beretta S.p.A. è una controllata di Beretta Holding S.p.A., che annovera al suo interno importanti fabbriche di armi e di ottiche, nonché società commerciali e di distribuzione sia italiane che estere.

Nell’esercizio 2019 Beretta Holding ha registrato un fatturato consolidato di 680 milioni di Euro.

Pietro e Franco Gussalli Beretta sono alla guida dell’Azienda.

Beretta Defense Technologies (BDT) è una alleanza strategica, creata nel 2011, che raggruppa quattro aziende del settore della difesa del gruppo Beretta Holding (Fabbrica d’Armi Pietro Beretta, Benelli, Sako e Steiner Optics/eOptics) allo scopo di fornire prodotti e servizi delle migliori prestazioni alle agenzie di ordine pubblico e corpi militari di tutto il mondo.

In aggiunta alla Fabbrica d’Armi Pietro Beretta all’interno di Beretta Defense Technologies vi sono:

Benelli Armi (Urbino-Italia) che produce una linea completa di fucili tattici a pompa e semiautomatici;

Sako (Riihimaki-Finlandia). Le rimarchevoli prestazioni garantite dai modelli TRG, M10 e Tikka T3 ne fanno di questi fucili la scelta migliore per le più esigenti forze speciali al mondo.

Steiner Optics (Bayreuth-Germania). Il costruttore tedesco di binocoli militari e cannocchiali per carabine, leader del settore. Sistemi di puntamento, d’illuminazione, dispositivi laser, visori notturni e termici, beacon, sono anch’essi parte integrante dell’offerta di Steiner attraverso la controllata statunitense Steiner eOptics.

 

  • ARMI, SISTEMI DI ARMA E MUNIZIONAMENTO
  • ARMI
  • armi portatili